Tutti i trattamenti (che siano medici od olistici od estetici) possono avere delle Controindicazioni. Queste sono molto importanti perchè ci fanno capire quando non effettuare un Trattamento e provocare così danni alla Persona.  Quelle elencate di seguito, sono generali su tutti i tipi di Trattamento.

  • Donne in gravidanza: per l’addome certe posizioni non si potranno utilizzare a pancia in giù (chiamata posizione prona) ; a pancia in su (supini) perché può essere difficile da un certo mese in poi far alzare la persona. Personalmente non massaggio una donna in gravidanza e fino a che allatta il bambino. Ci può essere la possibilità che, toccando certi punti del corpo, possiate far uscire il feto o far perdere il latte. Magari il massaggiatore non sarà mai il vostro mestiere, ma penso che neanche una vita in carcere penso sia la migliore che possiate immaginare.
  • Bambini fino a 6 anni: Il problema è che in queste età è difficile spiegare il dolore che si prova, e in più la pressione usata dovrebbe essere diversa e molti bambini non stanno molto fermi finchè vengono trattati.
  • Lesioni strutturali, soluzioni di continuo cutanee (tagli): Le lesioni strutturali sono fratture ossee, strappi, stiramenti, rotture di tendini e muscoli e legamenti. Il discorso vale anche per le soluzioni di continuo cutanee, o più comunemente chiamati tagli, per il pericolo di riaprire la ferita. 
  • Ciclo mestruale (controindicazione relativa) Il massaggio, ha effetti sulla circolazione e sul sistema nervoso. In questo stato possiamo creare un flusso ancora più abbondante. Questo vale per i primi 4 giorni di Trattamento per i massaggi classici, per i Trattamenti tipo Riflessologia, Osteopatia e simili basta non andare a trattare le zone genitali e l’addome.
  • Periodo post prandiale: cioè dopo mangiato. In questo caso ci possono essere patologie, ad esempio la gastrite, che non permette una buona digestione e quindi anche il trattamento non farà effetto come sempre. In più, il pericolo di ipersecrezione gastrica (viene su il cibo) o vomito è molto alto.
  • Problematiche che eludono diagnosi tempestive di patologie importanti: “Ho un violento dolore dietro lo sterno al centro del petto, irradiato al braccio sinistro o al collo”. Per voi potrebbe essere un torcicollo dovuto da un colpo d’aria che blocca i muscoli cervicali (chiamatela cervicalgia acuta). Per me potrebbero essere i sintomi di un’infarto. Il mio consiglio è mandarlo da un dottore o al pronto soccorso. E questo era solo un esempio, ce ne sono altri…
  • Infezioni di origine virale o organica: raffreddori, influenze, ecc. Come visto nelle , il massaggio lavora a livello vascolare, e la circolazione è divisa in: arteriosa, venosa, linfatica. Quest’ultima funziona da spazzino per il corpo ed è a stretto contatto con il la circolazione arteriosa/venosa. Il sangue viene portata da/a quest’ultima in tutto il corpo, organi compresi. Per cui portate c’è il pericolo di portare “sporcizia” (cataboliti e per es. cellule tumorali) in giro per il corpo.
  • Pazienti defedati, psicotici o in cura con farmaci inibitori (cortisonici, psicofarmaci, ormonali, droghe, alcool)
  • Patologie infiammatorie acute, inerenti ai tessuti da trattare: se ci sono infiammazioni nelle zone che tratteremo, c’è il pericolo di non sentire bene le strutture sotto le mani: è sempre meglio fare esami specifici (quali ecografie, risonanze, ecc) per evitare di fare trattamenti su zone che possono avere strappi, stiramenti o rotture/fratture.
  • Patologie con degenerazione organica (cirrosi, tumori): in questo caso, se il medico lo prescrive, il massaggio può essere eseguito in fase terminale, sotto prescrizione medica, ma è sempre meglio non eseguirlo in caso di chemioterapia.
  • Portatori di pace maker (relativa ai trattamenti classici, nel caso di Trattamenti come Riflessologia e Osteopatia si possono eseguire)
  • Malattie infettive cutanee.

Domandatevi e domandate sempre: quali sono le situazioni attuali? Il dolore (acuto, cronico, sporadico)? Dov’è localizzato e di che intensità è? Traumi e lesioni passati/e? Queste problematiche sono recidive?

Vuoi saperne di più su come risolvere una problematica? Ti consiglio i miei Articoli. E se quello che Ti interessa non lo trovi, scrivimi (con i pulsanti qui sotto) e scriverò un articolo!

Per maggiori informazioni :

Scrivimi, riceverai una risposta entro 24 ore.

Lavoro su appuntamento: dal Lunedì al Venerdì 14.30 - 20.30.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *